Merlot e Toscana, un rapporto non sempre idilliaco, a cura di Andrea Gori

Propongo anche ai visitatori di questo blog l’interessante dissertazione che Andrea Gori, il sommelier più informatizzato d’Italia (a pari merito con me, ovviamente, anche se lui ha il tastevin d’oro e io solo quello d’argento…), ha dedicato alla diffusione del Merlot in zone non sempre vocate. E Gori dà comunque a Cesare quel che è di Cesare, ammettendo che i Merlot di gran fattura in Italia comunque non mancano, dal Galatrona al Redigaffi (quest’ultimo, a parer mio, riesce a disvelarsi completamente solo un bel po’ di tempo dopo l’imbottigliamento). Buona visione. Ah: come avrete visto, il blog s’è adeguato all’atmosfera natalizia…

One Response to Merlot e Toscana, un rapporto non sempre idilliaco, a cura di Andrea Gori

  1. andrea gori scrive:

    grazie mille sommelier non professionista informatico! fa sempre piacere vedere che qualcuno ascolta le mie elucubrazioni.. Quanto al Redigaffi, l’ho bevuto una volta sola ed era giovanissimo, sarei veramente curioso di sentirlo dopo una decina di anni…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>